Chiesa di Santa Maria Assunta


Sorta nel 1792 sul sito dell’antica chiesa farfense di S. Maria, la Chiesa parrocchiale di S. Maria Assunta venne  decorata pittoricamente nel 1937 da Dante De Carolis, fratello del ben più celebre Adolfo, con affreschi raffiguranti l’incoronazione di Maria Assunta.


Oltre all'organo, acquistato nel 1803 e collocato nel coro, la chiesa conserva una preziosa reliquia della Croce Santa, donata al locale cenobio francescano dal pontefice Niccolò IV nel 1289, e, inoltre, dipinti come: la Madonna del Rosario, olio su tela (m. 3,13x2) di arte marattesca del secolo XVII; l’Assunzione (sull'altare maggiore), olio su tela (m. 3,45x1,95) opera di Nicola Monti da Ascoli (ultimata nel 1795); S. Giorgio che salva una fanciulla uccidendo il drago, opera dello stesso Monti, datata al 1794; l'Immacolata con i santi Pietro e Carlo Borromeo, datata al XVI secolo; la Madonna del Carmine con S. Paolo e S. Lorenzo, opera realizzata da Ignazio Sgrilli di Montefiore nel 1794; l’Addolorata con S. Francesco di Paola e S. Antonio da Padova (anch’essa datata 1794), opera di N. Monti. Nei locali annessi alla sacrestia si conserva altresì un prezioso stipo intarsiato del XVII secolo, proveniente da un laboratorio della Germania meridionale.


La Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta è sita in Piazza Umberto I, 2.

(Testo a cura di Mariano Malavolta)

Post popolari in questo blog

Piacere, Cossignano

13^ edizione della sagra del fritto misto all'ascolana: la tradizione torna a Cossignano

Ciao Paolo